A Siracusa convegno FIDAPA sulla Leadership al femminile

ImmagineIl 3 Febbraio 2017, presso il Jolly  Aretusa  Palace  Hotel di Siracusa,   nell’ambito del Tema Internazionale “Making difference through leadership and action”  si è svolto il Convegno delle Past Presidenti della Provincia di Siracusa  dal titolo:

Quale Futuro con la leadership al Femminile.Donne leader attraverso percorsi culturali diversi.

Il convegno ha messo in risalto il valore della leadership al femminile che si caratterizza per creatività, energia e determinazione.IMG-20170506-WA0031

Presenti al convegno la Presidente Distrettuale Rosa Maria La Scola, la Past Presidente Distrettuale Nora Caserta, la Standing  Committee Projects Chair BPW International Giuseppina Seidita, la  Deputata Regionale Marika Cirone De Marco, la Deputata Nazionale Sofia Amoddio.

Dopo i saluti delle Autorità Fidapa,  ha preso la parola la Past Presidente Eleonora Caserta che ha introdotto e coordinato i lavori in maniera puntuale e incisiva.

Le illustri relatrici, che si sono succedute, hanno spaziato in vari campi, da quello  dell’architettura a quello della medicina, dalla avvocatura all’imprenditoria.

Molto interessante l’intervento del Tenente dell’Arma dei Carabinieri Tamara Nicolai che ha avuto il plauso del numeroso pubblico presente.tenente

La dott.ssa Giuseppina Storaci, Presidente della Sezione Penale del Tribunale di Siracusa,  nel suo intervento  “Donne e magistratura: una testimonianza di esperienza vissuta “, ha tracciato un quadro della situazione femminile nella magistratura, mettendo l’accento sulla maggior fatica che la magistrato donna deve affrontare rispetto all’uomo per il doppio ruolo che ricopre di lavoratrice e di madre.

La dott.ssa Rossana Sampugnaro, Docente presso l’Università di Catania, ha trattato il tema  “Oltre il gap di genere:la partecipazione nel  terzo millennio” .

Nella sua ampia relazione,  ha evidenziato come in base ad alcuni parametri attenzionati, quali l’elevato tasso di disoccupazione femminile, la bassa percentuale di donne in posizioni apicali,  la scarsa presenza  di servizi a supporto della famiglia, l’Italia si classifichi,  all’interno della UE, agli ultimi posti per l’uguaglianza di genere. Per quanto riguarda la partecipazione delle donne alla vita politica, nonostante i dati di questi anni mostrino una progressiva riduzione del gap femminile,   continua a permanere una dimensione di perifericità della donna rispetto al mondo della politica per la qualità dell’informazione, interesse a documentarsi, impegno nella discussione.

L’Ing. Claudia Faraci, Consulente Comune Floridia,  Responsabile Urban Center,  ha parlato della sua interessante attività lavorativa che  la pone continuamente in contatto con le istituzioni pubbliche.Immagine3

La Dott.ssa Katia Coletta, Dirigente Medico Ospedale Siracusa, nel suo intervento “ Donne e medicina: ieri, oggi e domani”,  ha fatto un escursus sul rapporto della donna con la medicina, dai tempi dei greci fino ai nostri giorni. Ha evidenziato  altresì che le donne in ruoli di leadership sono più vulnerabili e meno sostenute rispetto agli uomini e questo determina la dispersione di tanti talenti femminili. ”L’umanita’ è fatta di uomini e donne, deve quindi essere rappresentata da entrambi i sessi”,  ha affermato la Coletta ,  “come medico credo fermamente che le donne debbano unirsi per imparare, insegnare e creare alleanze tra i diversi settori della salute, migliorando così la salute e il benessere delle persone”.‘IMG-20170506-WA0028

Anche le Young hanno preso parte al Convegno. Interessante l’intervento dell’ Arch. Fabiola Guarino, Socia Young  Sez . Floridia, che ha trattato il tema “ Se l’architettura fosse donna”. Il suo discorso è stato soprattutto incentrato su una bellissima frase di Zaha Hadid-Premio Pritzker 2004:  “Sono un architetto. Non solamente una donna architetto”.   La Guarino ha  sottolineato  che le donne architetto,  per la loro specificità,  sono particolarmente portate a operare in ambito urbanistico e domestico. Molto interessante anche il contributo dell’Avv. Paola Terranova, socia young e la testimonianza di Alessandra Brafa, imprenditrice.

Il convegno ha evidenziato come le donne per la loro lungimiranza e forza, l’abnegazione e le capacità diplomatiche siano un modello insuperabile  e rappresentino nell’attuale contesto sociale uno straordinario acceleratore di evoluzione e crescita.IMG-20170506-WA0029

 

Lascia un Commento